Categorie
musica

4 gennaio: Giovanni Battista Pergolesi

Nato il 4 gennaio 1710 a Jesi, nelle Marche, Giovanni Battista Draghi, detto Pergolesi fu uno dei più significativi rappresentanti della scuola musicale barocca napoletana (si trasferì a Napoli in giovane età).

Lo Stabat Mater di Pergolesi

Iniziò gli studi musicali nella sua città natale e li proseguì nel Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo di Napoli, dove si diplomò a 21 anni. I cinque anni seguenti furono caratterizzate da un fervente periodo di composizione e l’opera “La serva padrona” lo rese particolarmente popolare. Grazie alla sua fama di compositore di prestigio,venne assunto come maestro di cappella del principe di Stigliano Colonna.

Nel 1735, ottenne un posto ufficiale nella cappella regia, quale organista soprannumerario e probabilmente per questo, compose l’ultimo dei suoi due “Salve Regina” in do minore.

Lo stesso anno però a causa dell’incedere della tubercolosi, di cui soffriva da tempo, sentendosi privo di forze, lasciò tutte le sue attività e si trasferì nel convento dei frati Cappuccini a Pozzuoli dove morì il 16 marzo del 1736 a soli 26 anni.

La leggenda vuole che, poco prima di morire, ormai in miseria, terminò il suo capolavoro che lo ha reso immortale: lo “Stabat mater”, per soprano, contralto e orchestra d’archi.

Nella sua breve ma intensa attività compose opere serie e opere buffe, intermezzi, oratori, cantate, musica sacra, musica strumentale.

Fu sepolto in una fossa comune, come accadde – qualche anno dopo – anche a Mozart e Vivaldi.

Categorie
musica Pace

Prayer of the Mothers

Women Wage Peace dal 2014 riunisce donne israeliane e palestinesi, donne ebree, musulmane e cristiane; donne che credono ed operano per arrivare ad accordi di pace nelle loro terre.  “Prayer of the Mothers” unisce queste donne in un canto di pace.

Le immagini del video sono state riprese durante la  marcia per la pace che nell’ottobre 2016 ha raccolto dal nord di Israele a Gerusalemme circa 4mila donne coraggiose di diverse religioni. Evento, per altro, quasi totalmente ignorato dai ‘grandi’ media e che sta rimbalzando in rete, anche grazie a questo emozionante video.